FS NEWS >

Palermo-Catania-Messina


L'itinerario Palermo-Catania-Messina, facente parte del Core Corridor n. 5 "Scandinavian-Mediterranean (Helsinki-La Valletta)", fa parte delle opere strategiche previste dal Decreto Legge Sblocca Italia.
La realizzazione del nuovo collegamento Palermo-Catania-Messina garantirà una significativa crescita della competitività del trasporto viaggiatori su ferro, collegando i centri urbani a maggiore densità abitativa con le aree interne e costiere della Sicilia e i relativi servizi. Complessivamente assicurerà un'adeguata mobilità a passeggeri e merci con un importante risparmio di tempi e costi, oltre ad un sensibile vantaggio sulla sicurezza generale del trasporto.
La realizzazione dell'itinerario è inoltre una grande opportunità di rilancio per l'economia locale, con positive ricadute in ambito industriale, turistico, sociale e culturale legate al generale miglioramento dei servizi di trasporto.

Progetti principali

Sistemazione del Nodo di Catania
L’intervento consiste nel raddoppio ed interramento della linea esistente a singolo binario tra Catania Centrale ed Acquicella per uno sviluppo totale di circa 5.6 Km, dalla pK 236.473 alla pK 242.037 della linea Messina-Siracusa, quasi completamente in galleria, comprensivo dell’interramento della Stazione di Catania, della realizzazione di due nuove fermate (Porto/Duomo e Castello Ursino) e del rifacimento della fermata di Acquicella. Lo studio di fattibilità è stato ultimato ad ottobre 2016.
Raddoppio della tratta Bicocca-Catenanuova
L’intervento consiste nel raddoppio della linea tra la stazione di Bicocca (inclusa) e Catenanuova (esclusa), da realizzare in affiancamento all’esistente semplice binario e, in alcuni tratti, costruendo un nuovo doppio binario. È prevista inoltre la sistemazione del PRG dell’impianto di Catania Bicocca con la realizzazione di due binari a servizio delle relazioni Palermo - Catania, un terzo binario di circolazione e il mantenimento dell’attuale semplice binario a servizio della linea per Siracusa. L’intervento prevede due successive macro fasi realizzative sempre con il mantenimento dell’esercizio ferroviario esistente; una prima Fase della durata di circa tre anni che prevede l’apertura all’esercizio di un singolo binario velocizzato. La seconda Fase provvederà ai lavori di completamento del raddoppio e prevede la messa in esercizio entro i successivi due anni del doppio binario secondo la configurazione finale, parzialmente in affiancamento alla sede esistente e parzialmente in variante. Nell'ottobre del 2015, come stabilito da programma, sono stati avviati i lavori delle opere anticipate attualmente in fase di ultimazione. Le attività negoziali dell’intera tratta sono state avviate il 13 aprile 2017.
Raddoppio della tratta Catenanuova-Raddusa
E’ stato redatto il Progetto Definitivo del raddoppio nel 2016. Lo sviluppo del nuovo tracciato è sostanzialmente in variante rispetto alla linea esistente, per la quale è prevista la dismissione. Il progetto prevede infine la realizzazione della nuova Stazione di Catenanuova, al km 187+366, avente modulo 350 m Per tale tratta è stato inoltre sviluppato anche uno studio strategico ultimato nel maggio 2017 “Tratta Fiumetorto – Catenanuova. Singolo binario interoperabile – prima macrofase funzionale” riguardante la prima fase funzionale dello scenario individuato dal Commissario.
Nell'ottobre del 2015, come stabilito da programma, sono stati avviati i lavori delle opere anticipate attualmente in fase di ultimazione.
Nel maggio 2017 è stato ultimato lo studio strategico “Tratta Fiumetorto – Catenanuova. Singolo binario interoperabile – prima macrofase funzionale” che vede una nuova ipotesi di scenario realizzativo del collegamento veloce tra Palermo e Catania, rispetto a quanto previsto nello studio di Fattibilità redatto nel 2014, per la tratta compresa tra gli impianti di Fiumetorto e Catenanuova. In particolare è stata analizzata la prima fase funzionale a semplice binario.

Sito Ufficiale

Sostenibilità Ambientale