FS NEWS >

Serbia - Montenegro

LAVORI CONCLUSI

Main design for the railway restructuring in Montenegro
Italferr è stata incaricata di predisporre le progettazioni di dettaglio per la ristrutturazione della linea ferroviaria Bar-Podgorica-Vrbnica al confine con la Serbia. In particolare sono state eseguite le progettazioni delle opere civili (gallerie, ponti, viadotti, stazioni) per le sezioni Kolašin-Podgorica e Podgorica-Bar, l'adeguamento strutturale della linea Kolašin-Podgorica dal km 340 + 991 al km 404 + 120 e della linea Podgorica-Bar dal km 404 + 120 al km 455 + 500.
Sono stati inoltre eseguiti i progetti delle tecnologie: sistemi di radio comunicazioni, di controllo a distanza per piattaforme stabili di trazione, di controllo dipendenza fra le stazioni, di controllo tronco di stazione, di informazione visiva per i passeggeri e di sostituzione dei dispositivi di alimentazione per segnalazione e telecomunicazione nelle stazioni.
Le attività sono state terminate nel giugno del 2011.


Updating of the Belgrade-Bar railway line
Italferr è stata incaricata di realizzare lo studio dell’ammodernamento della linea ferroviaria Belgrado-Bar tra il fiume Danubio e il Mare Adriatico. La linea collega la capitale della Serbia e il porto adriatico del Montenegro con un percorso di montagna progettato negli anni ’50 e attivato nel 1976. Le attuali caratteristiche tecniche della linea sono: binario unico elettrificato; velocità media 45 km/h (le restrizioni alla velocità di esercizio sono legate alle condizioni dell’armamento e ad alcune situazioni di emergenza, come frane e instabilità di ponti e viadotti); lunghezza 455 km (280 km in Serbia, 165 km in Montenegro e 10 km in Bosnia-Herzegovina); raggio di curvatura minimo di 300 m; velocità media di progetto di 80 km/h; pendenza massima del 25 ‰ (la quota massima di 1.030 m s.l.m. è raggiunta presso Kolašin); 254 tunnel per una lunghezza pari al 24 % del tracciato; 234 ponti e viadotti per un totale di 15 km. Tra le opere d’arte figura il ponte che si erge a 200 m sopra il fiume Mala Rijeka, considerato uno dei più alti al mondo. Dopo un lungo periodo di mancata manutenzione e assenza di interventi di ammodernamento legato alle vicende belliche della regione, la Belgrado-Bar è attualmente gestita congiuntamente dalle ferrovie serbe e montenegrine ed è stata in parte riabilitata grazie all'apporto di finanziamenti internazionali. Nell’ambito dello Studio, Italferr ha provveduto alla raccolta dei dati sull'infrastruttura, esercizio e traffico merci/passeggeri nella regione, alla modellizzazione dell’infrastruttura tramite software, alla definizione ed alla simulazione degli scenari futuri di esercizio, all’individuazione dei principali colli di bottiglia con la definizione degli interventi da realizzare nel breve, medio e lungo termine, allo studio di dettaglio degli interventi sulle opere civili e sugli impianti tecnologici, all’analisi economica e finanziaria del programma di investimento sulla base dei dati di traffico ed infine al piano di azione per l’ottimizzazione della gestione della linea.
L'attività è stata terminata a fine 2010.