Riattivato il Fascio Merci di Genova Voltri

Genova, gateway strategico del Mare Mediterraneo, assolverà al proprio ruolo nell’ambito del Corridoio 6 della rete europea TEN-T.

Nell’ambito del potenziamento del Fascio Merci di Genova Voltri, ad un anno dall’inizio dei lavori e nel pieno rispetto delle tempistiche programmate, lunedì 11 e domenica 17 novembre 2019 sono stati attivati i binari 1°, 2°, 3° e 4°.

Con questa prima fase dell’intervento sullo scalo di Voltri, si attua l’ampliamento del Fascio Merci a 6 binari di modulo oltre 400 metri e la realizzazione del collegamento, mediante 2 binari, al parco ferroviario del gestore portuale PSA, che vedrà il suo definitivo completamento con l’adeguamento dei moduli di stazionamento a standard europeo pari a 750 metri, la realizzazione di un ulteriore 7° binario ed il prossimo collegamento al Terzo Valico.

In questo modo Genova, gateway strategico del Mare Mediterraneo, assolverà al proprio ruolo nell’ambito del Corridoio 6 della rete europea TEN-T.

Congiuntamente alle lavorazioni TE, IS e di Armamento, in questa fase è stata conseguita la riconfigurazione degli apparati ACC/M di Voltri e Bivio Castelluccio ed il conseguente adeguamento della postazione SCC. La configurazione attuale è già stata predisposta per l’allaccio del secondo binario di raddoppio al porto la cui attivazione è prevista entro il 6 gennaio 2020.

Grazie allo straordinario sforzo organizzativo, nonostante le condizioni meteo particolarmente avverse, le lavorazioni sono state realizzate obbligatoriamente nel periodo programmato di sospensione delle attività dello scalo, consentito in questa sola fase esecutiva dell’intervento, la più critica per tipologia di lavorazioni e ristretti tempi imposti per la riattivazione del Fascio merci.

Ancora una volta l’ottimo lavoro di squadra tra Imprese realizzatrici, Gestori e Utilizzatori dello scalo, Autorità di Sistema Portuale e Rete Ferroviaria Italiana, attraverso un programma integrato delle attività gestito e coordinato dalla Direzione Lavori e Direzione Tecnica di Italferr ha consentito di raggiungere gli ambiziosi obiettivi prefissati.

CONDIVIDI:
Condividi su Linkedin