In aula per il modulo “realizzativo” delle Tecnologie ferroviarie

Il 9 aprile 2019, si è tenuta nella sede Italferr di Roma la giornata formativa sul modulo “realizzativo” delle Tecnologie Ferroviarie, focalizzata prevalentemente sugli aspetti di campo e sulle problematiche da gestire durante le fasi realizzative e rivolta a parte dei neoassunti della Direzione Gestione Commesse e della Direzione Tecnica. L’incontro completa il percorso sulle tecnologie iniziato il 13 dicembre scorso.

Ha aperto i lavori l’Amministratore Delegato, Aldo Isi, che ha voluto veicolare ai nuovi assunti l’importanza delle competenze collegate alle tecnologie, ambito trasversale a tutti gli interventi su cui Italferr è coinvolta e che rappresenta da sempre un settore in continua evoluzione. L’Ing. Isi ha inoltre sottolineato come l’ingresso in azienda di nuove risorse generi nuove energie in grado di produrre un contributo in termini di curiosità, iniziativa e coraggio.  

Il programma ha presentato interventi che hanno sondato i molteplici aspetti specialistici anche attraverso il racconto delle esperienze dirette dei relatori.

A compendio del modulo formativo i ragazzi supportati nelle spiegazioni dai nostri esperti insieme a quelli di Rete Ferroviaria Italiana, hanno effettuato tre visite tecniche: il cosiddetto “Bunker di Roma Termini”, l’antenato del PCS, un primo sistema di controllo del traffico della stazione che testimonia un esempio di archeologia industriale degli anni ’30 di grande impatto visivo; l’attuale PCS di Roma Termini e l’ACCM di Fara Sabina attivato nei giorni scorsi.

 

 

 

 
 
 
Condividi:
Condividi su Linkedin