Impianto di Manutenzione Corrente di Torino

Il nuovo IMC Torino Smistamento si inserisce nell'area ferroviaria prospiciente l'edificio del Lingotto, a sud della Stazione di Torino Porta Nuova. Il grande fascio binari costituisce il lato inferiore di un vasto cuneo urbano in trasformazione, un'area in cui sono stati messi in atto importanti interventi di rinnovamento e di ristrutturazione urbanistica. Il nuovo IMC privilegia quindi il dialogo con questo tessuto rivitalizzato: il fuso centrale dei servizi, sul quale si attestano i parallelepipedi dedicati alla manutenzione dei treni, si dispone in posizione baricentrica rispetto all'area ferroviaria, per diventare il fronte prospettico degli assi urbani traversali alla ferrovia: Via Nizza, Via Bisalta, Corso Spezia, Corso Sebastopoli.
Operando in un contesto così attivo e vitale, il progetto tende all'unitarietà del disegno, volto all'integrazione formale e funzionale di architetture, infrastruttura e preesistenze.

Il lungo fuso dei servizi, dove si susseguono passerelle coperte e volumi con uffici, spogliatoi e mensa, è pensato quindi per accorpare tutte le funzioni e unire, anche visivamente, il nuovo impianto di manutenzione con quello storico. Su una sottostruttura in acciaio ancorata alla struttura principale dell'edificio, si dispone il rivestimento esterno in lastre nervate e ondulate di acciaio preverniciato di rosso, con pacchetto di isolamento ad alte prestazioni termiche e acustiche. Il fabbricato, infatti, è un'architettura sostenibile, progettata con i più elevati standard in materia di contenimento energetico, attraverso un involucro performante e sistemi di produzione di energia in loco da fonti rinnovabili.

Condividi:
Condividi su Google Plus