Ponti e Viadotti

Ponte ad arco a via inferiore sul Naviglio Grande: tratta Torino-Milano
L’opera ripete il disegno dei classici ponti ad arco a spinta eliminata, utilizzati dalle ferrovie sin dalle prime realizzazioni. 
Ha una luce di 60 m ed è costituito da due archi in acciaio con sezione aperta a doppia T giacenti su piani verticali e paralleli, ad interasse di 14.70 m; la freccia in chiave dell’arco è pari a 12 m. 
L’impalcato è costituito da un grigliato di traversi e longherine e la sua larghezza complessiva è di 15.60 m.

Ponte strallato sul fiume Po: tratta Milano-Bologna
Il ponte strallato sul Po presenta una campata centrale da 192 m e due campate di riva da 104 m e, complessivamente 92 stralli di lunghezza ed inclinazione differenziate. L’impalcato è una trave continua con appoggio fisso su una torre ed appoggi scorrevoli sull’altra e sulle pile di riva. L'impalcato a cassone ha una altezza costante nella campata centrale di 4.70 m. La larghezza complessiva è di 15.70 m. Le torri hanno una altezza di 60 m, di cui 51 al disopra dell’impalcato stesso.

Ponte metallico sull'A14: linea Bologna-Venezia
La travata metallica è a doppio binario in curva a via inferiore del tipo a maglie triangolari chiusa superiormente, pesa complessivamente 840 t ed è suddivisa in 14 campi lunghi 5.382 m. Il nuovo raccordo ferroviario interseca l'asse autostradale dell'A14 con un angolo di circa 35°. La forte obliquità e la necessità di mantenere una luce libera di 58 m sulla sede autostradale senza l'inserimento di piedritti nelle carreggiate, ha comportato la scelta progettuale di una travata principale in carpenteria metallica di luce pari a 75.35 m. L'impalcato è di tipo obliquo ed è stato progettato per una velocità massima pari a 160 km/h.   Guarda il Video


Ponte ad arco a via inferiore sul fiume Sieve: tratta Bologna-Firenze
La limitata altezza del piano del ferro rispetto al corso d’acqua ha obbligato l’adozione della classica soluzione dell’arco a spinta eliminata. Il ponte ha una luce di 75 m ed è costituito da due archi in acciaio a sezione scatolare giacenti su piani obliqui convergenti verso l’alto e da un impalcato in struttura mista acciaio e calcestruzzo; anche le catene sono a sezione scatolare sempre ispezionabili. La distanza fra gli appoggi è di 75 m, la freccia è pari a 16 m e la larghezza massima del ponte è di circa 19 m.


Viadotto ad archi multipli di Caivano: tratta Roma-Napoli
Il viadotto rappresenta una reinterpretazione dei classici viadotti ad archi multipli della secolare tradizione delle linee ferroviarie italiane. Lungo circa 2.400 m, è composto da 74 archi in cemento armato di forma parabolica, disposti su 2 file parallele ad interasse di 8.40 m e costituisce un piano continuo d’appoggio per la sovrastruttura ferroviaria. Ciascun arco ha una corda di 33 m e una freccia di 7 m. Il disegno del ponte è scaturito dall'obbligo di rispondere alle esigenze paesaggistiche indicate per valorizzare il fascino ambientale degli antichi Regi Lagni.


Ponte di Zezely sul fiume Danubio: città di Novi Sad in Serbia
Il nuovo ponte in acciaio a doppio arco sarà lungo 470 m e consentirà il traffico stradale e ferroviario tra la città di Novi Sad e la sponda opposta dominata dalla fortezza di Petrovaradin. Italferr è stata incaricata per la realizzazione del progetto preliminare ed esecutivo del ponte di Zezely sul Danubio, in sostituzione del vecchio ponte distrutto nonchè per la preparazione della documentazione di gara necessaria per l'affidamento della costruzione dell'opera.

Ponte sul fiume Eufrate: linea ferroviaria al Tabeje-al Bookamal in Siria
La parte di struttura metallica del ponte è costituita da 5 campate metalliche di tipo reticolare a via inferiore chiuse superiormente.
Le travate reticolari sono della tipologia con armamento ad attacco diretto.
Il tracciato è a singolo binario, ma tutta la struttura (pile e spalle) è stata studiata per poter accogliere in futuro un doppio binario.