Italferr alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico

XX edizione dal 26 al 29 ottobre 2017 nell’area archeologica della città antica di Paestum.

ITALFERR, rappresentata dalla UO Architettura, Ambiente e Territorio, è stata presente alla Borsa mediterranea del Turismo Archeologico, unico Salone espositivo al mondo del patrimonio archeologico e di ArcheoVirtual, mostra innovativa internazionale di tecnologie multimediali, interattive e virtuali, nello stand della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Napoli, insieme a MIBACT ed RFI.

Un format di successo, testimoniato dalle prestigiose collaborazioni di organismi internazionali quali UNESCO e UNWTO (le Nazioni Unite della Cultura e del Turismo) oltre che da 10.000 visitatori, 100 espositori di cui 25 Paesi esteri, 300 relatori, 150 operatori dell’offerta, 100 giornalisti accreditati.

Tre audiovisivi hanno illustrato gli ultimi rinvenimenti effettuati in occasione delle fasi dell’archeologia preventiva nell’ambito della realizzazione della Linea Napoli-Bari.

Sulla tratta variante alla Linea Napoli – Cancello (14 km), da Luglio 2014 a Gennaio 2015 sono stati eseguiti 87 saggi campione pertinenti alla Fase 1 della Verifica Preventiva dell’Interesse Archeologico.
Successivamente, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Napoli metropolitana ha prescritto, sulla base degli esiti delle precedenti attività, la successiva fase 1b che ha previsto indagini archeologiche in ulteriori 97 punti di indagine per una superficie complessiva pari a ca. 280.000 mq lungo il sedime progettuale. Le indagini hanno avuto inizio nel mese di Luglio 2016 e sono in via di conclusione nelle aree a maggior criticità dal punto vista archeologico.
Queste hanno restituito numerosi elementi pertinenti a insediamenti e necropoli preistoriche e protostoriche, ville e insediamenti di età romana, elementi dell’antico paesaggio agrario, necropoli romane e tardoantiche.