Nodo di Firenze


Il Nodo di Firenze costituisce uno dei punti fondamentali sulla Direttrice AV/AC Milano-Roma e, come tale, è interessato in modo rilevante dagli interventi infrastrutturali connessi allo sviluppo del progetto AV/AC. Il nodo rappresenta, inoltre, il più importante punto di aggregazione delle linee di interesse regionale dell’area centrale toscana e costituisce il baricentro del sistema ferroviario metropolitano regionale efficacemente integrato con le altre modalità di trasporto (tramviario/stradale) a servizio della città.

Grazie alla realizzazione degli interventi connessi con la linea AV/AC, la Stazione AV di Firenze sarà del tipo passante per i treni AV grazie alla realizzazione di un nuovo collegamento in sotterraneo tra la linea AV/AC Bologna-Firenze e la linea Direttissima Firenze-Roma.
Sarà così possibile specializzare i flussi di traffico per direttrice e per livello di offerta, riducendo i conflitti fra le varie tipologie di traffico. Inoltre, la realizzazione della linea AV/AC favorirà, sulla linea ferroviaria esistente, un forte recupero di capacità da utilizzare per lo sviluppo del traffico regionale e metropolitano.
In configurazione finale, l’assetto infrastrutturale e tecnologico del nodo di Firenze consentirà di adottare un modello di esercizio avente, come obiettivo primario, l'attuazione di un sistema di trasporto caratterizzato da una elevata integrazione intermodale e plurimodale, da un aumento della capacità complessiva e da un efficientamento dei livelli e degli standard di servizio alla clientela.