Firenze Romito


Ristrutturazione delle ex officine motori deistinazione uffici.

Il progetto di recupero e di ristrutturazione delle ex officine motori di Firenze Romito con destinazione uffici di Trenitalia si inserisce nel più ampio riassetto complessivo del nodo ferroviario di Firenze, che, in seguito all’entrata in funzione del Polo ferroviario di Osmannoro, vede nell’area del deposito locomotive del Romito grandi volumetrie, rese disponibili dalla dismissione delle attività di manutenzione, attualmente soggette a progressivo e incontrastato degrado.
L’area oggetto di intervento ricade all’interno di un ideale triangolo dai lati curvilinei, costituiti dalle linee ferroviarie Firenze - Bologna, Firenze - Roma e dal raccordo Campo Marte – Rifredi, a nord della Fortezza da Basso. Gli edifici oggetto di intervento sono localizzati su rilevato, più alto di circa 5mt rispetto al circostante tessuto cittadino.
L’intervento intende riqualificare gli edifici dismessi e le aree esterne limitrofe e prevede la realizzazione di due nuovi solai all’interno di ognuno dei tre capannoni “A, B e C”. La realizzazione dei nuovi solai è stata prevista in completa aderenza agli involucri esistenti, ma strutturalmente indipendenti. Alla struttura preesistente è affidata la tenuta all’acqua e l’isolamento termo-acustico.
Tale soluzione, ovvero la realizzazione di due nuovi livelli, consente di allocare l’intero organico Trenitalia attualmente dislocato nell’immobile di Viale Lavagnini n° 58. Il consistente aumento di Superficie Interna è compensato in parte, dall’ampia volumetria demolita.
Nei capannoni B e C, con copertura a shed, è stata prevista l’apertura di nuove finestre all’interno delle tamponature, ora cieche, comprese tra la prima e la seconda cornice ed il frazionamento degli infissi esistenti per garantire condizioni adeguate di aeroilluminazione agli uffici del piano terra e del primo piano. Per quanto riguarda le tamponature esterne, è stato previsto un isolamento interno a cappotto nonché il rifacimento quasi totale delle coperture.
Il recupero delle ex officine motori di Firenze Romito è il primo Progetto Esecutivo di un  fabbricato sviluppato da ITALFERR direttamente con metodologia BIM al fine di permettere al cliente un futuro utilizzo dei modelli per la gestione e la manutenzione dei fabbricati.

Attualmente il progetto è nello stato “da realizzare”.
(Sono in corso le attività negoziali - offerta economicamente più vantaggiosa su Progetto Esecutivo – a cura Trenitalia e la consegna lavori è prevista per il primo trimestre 2018).