Impronta Climatica


Nell'ambito di una progettazione eco-sostenibile, in conformità alla norma UNI ISO 14064-1, Italferr ha sviluppato una metodologia di misura e di rendicontazione delle emissioni di gas serra prodotte nelle attività di costruzione delle infrastrutture ferroviarie. I risultati dell'applicazione sono utili a perfezionare le soluzioni di progetto attraverso scelte che, a parità di prestazioni, generano minori emissioni.
Viene predisposto così un inventario che determina l'impronta climatica dell'opera infrastrutturale, ossia la quantità di gas a effetto serra prodotta nella realizzazione della stessa.
Un set di specifiche prescrizioni contrattuali indirizzano le imprese costruttrici ad approvvigionare il calcestruzzo e l'acciaio presso fornitori maggiormente sensibili alla tutela ambientale e a privilegiare modalità di trasporto eco-compatibili, prevedendo un sistema premiante per quelle imprese che forniscono un contributo concreto alla riduzione delle emissioni in atmosfera di CO2.
Dal 2010 la metodologia  è certificata da un Ente terzo, conformemente ai requisiti dettati dalla norma UNI ISO 14064-1.

L'esperienza di Italferr

La metodologia è stata applicata su diversi progetti e, coerentemente a quanto previsto dalla norma ISO 14064-1, i risultati dei calcoli eseguiti sono stati formalizzati nei "Rapporti di Sintesi" qui di seguito disponibili. Tale applicazione ha permesso alla Società di acquisire un vantaggio competitivo attraverso la creazione di spazi di mercato innovativi che garantiscono nuove opportunità di crescita attraverso l'offerta di prodotti e di servizi aggiuntivi che guardano al cliente e alla collettività.
Un'importante testimonianza che caratterizza la leadership del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane nello sviluppo sostenibile basato su un'economia etica ed equa, che mira ad attivare un ciclo virtuoso, incoraggiando iniziative analoghe in altre realtà simili.

Per Approfondire

Per approfondire

Documenti